La pesca non è solo un’industria – è uno stile di vita

Lungo il corso della storia i Norvegesi hanno sempre vissuto in armonia con il mare. Ne raccogliamo le risorse e ce ne prendiamo cura operando sempre nella maniera più olistica possibile, in modo da esprimerne il suo pieno potenziale.

Le comunità di pescatori sono il cuore pulsante della Norvegia da migliaia di anni, e la tradizione della nostra pesca viene tramandata di generazione in generazione. Portiamo avanti la maestria e il sapere dei nostri antenati, e abbiamo nel corso degli anni perfezionato le nostre competenze e prassi per garantire l’assoluta qualità del merluzzo norvegese.

Gli albori

Non possiamo stabilire con certezza quando ha avuto inizio la storia della nostra pesca, ma sappiamo per certo che si tratta di una storia ricca e articolata. Ci sono incisioni rupestri in Norvegia del Nord che risalgono addirittura all’Età della Pietra, e fin dai tempi antichi il pesce costituisce un’importante risorsa e un mezzo di sostentamento per le popolazioni lungo la costa.

Il merluzzo norvegese ha origini antichissime, e se ne trova un primo riferimento nella Saga di Egil già nel 875. L’esploratore Leiv Eriksson aveva con sé delle scorte di merluzzo essiccato durante la spedizione che lo portò a scoprire l’America nel 1001. L’esportazione di stoccafisso ebbe inizio nel XII secolo, e la prima spedizione di baccalà partì dalla Norvegia nel 1692. Le condizioni climatiche favorevoli hanno avuto un ruolo centrale nella lavorazione dei nostri prodotti ittici. Lo stoccafisso e il baccalà, che sono tra i primi prodotti di esportazione norvegesi, sono il risultato di condizioni climatiche ideali.

Per secoli, le abbondanti risorse marine hanno fornito un solido fondamento per le comunità situate lungo l’intera costa della Norvegia. La costa norvegese si estende per oltre 101.000 km e la pesca è stata, è, e sarà sempre di primaria importanza per la vita costiera. Queste abbondanti risorse hanno gettato le basi per il sostentamento della diradata popolazione, caratteristica di questo paese, e oggi vi sono attività e crescita economica nell’intera zona economica della Norvegia, che si estende per 200 miglia nautiche dalla costa.

Il pesce essiccato viene esportato verso l’Europa già dai tempi dei Vichinghi.

Importante oggi come un tempo

Negli ultimi decenni la Norvegia è stata fortemente legata al petrolio. Ma se è vero che il petrolio è stato estremamente importante per la crescita di questa piccola nazione negli ultimi 40-50 anni, da un punto di vista storico sono i prodotti ittici a rappresentare il nostro bene di esportazione più importante.

Detto ciò, va specificato che la pesca in Norvegia non fa solo parte del nostro passato. L’industria genera tutt’oggi delle comunità attive e garantisce un futuro a molte persone. Grazie alla combinazione unica in Norvegia di natura, cultura e amministrazione delle risorse, siamo in grado di proporre dei prodotti ittici di eccellenza, che competono nei mercati internazionali più prestigiosi. L’industria dei prodotti ittici ha registrato nel 2015 un export value di oltre 70 miliardi di corone norvegesi. La commercializzazione dei prodotti ittici norvegesi in oltre 100 paesi testimonia l’importanza della nostra industria ittica a livello internazionale.

Un viaggio attraverso il tempo

Old photo fishing boat
Nel corso degli ultimi 100 anni, il settore della pesca in Norvegia si è progressivamente evoluto fino a diventare l’eccellenza mondiale che è oggi. Dall’introduzione del sistema delle quote alla fondazione del Norwegian Seafood Council, scoprite quanta strada ha fatto la nostra industria ittica