Norvese: Torsk / Latino: Gadus

La famiglia del merluzzo comprende sia specie che vivono in acqua salata sia specie che vivono in acqua dolce. Vi presentiamo la famiglia dei Gadus:

Merluzzo Atlantico (Gadus morhua)

Si trova lungo la costa del Nord America (dal New England alla penisola del Labrador), la costa meridionale della Groenlandia, la costa dell’Irlanda e le zone costiere europee (in particolare nel Mare del Nord, nel Mar di Norvegia e nel Mare di Barents).

Merluzzo del Pacifico (Gadus macrocephalus)

Diffuso nelle zone costiere del Mar Giallo, e nell’area compresa tra lo Stretto di Bering e la costa pacifica degli USA, fino a Los Angeles.

Merluzzo della Groenlandia (Gadus ogac)

Vive principalmente nell’Atlantico nord-occidentale e nelle regioni artiche.

Tipi di merluzzo

Esistono due tipi diversi di merluzzo:

Il merluzzo stanziale costiero vive in prossimità dei fondali, nelle acque meno profonde.

Il merluzzo migratore oceanico percorre lunghe distanze e nuota più vicino alla superficie.

Oltre il 90% del merluzzo pescato in Norvegia proviene dalle acque fredde e limpide del Mare di Barents. Tuttavia, solo per pochi mesi all’anno, il merluzzo maturo migra più vicino alla costa norvegese per riprodursi.

Durante il suo lungo tragitto a nuoto, il merluzzo migratore sviluppa muscoli più forti e filetti dalla consistenza unica, trasformandosi nella prelibatezza nazionale nota come Skrei. Potete scoprire di più su questo pesce ricco di proteine nella nostra pagina dedicata allo Skrei.

Caratteri distintivi

Cod

Il merluzzo è un pesce facile da riconoscere, una volta che si sa a cosa prestar attenzione. È caratterizzato da un corpo massiccio e allungato, attraversato da una linea curva bianca, e ha tre pinne dorsali molto vicine alla base. Potrete inoltre scorgere il caratteristico piccolo barbiglio appuntito sul mento.

Anche la colorazione di un merluzzo può dirvi molto sulla sua provenienza. Il merluzzo che vive in acque poco profonde è rossiccio, marrone o verde oliva con macchie più scure.

Se il pesce ha vissuto a profondità maggiori, sarà di colore più chiaro, spesso grigiastro. Potrebbe sorprendervi scoprire che i merluzzi possono vivere fino a 40 anni, raggiungere i 2 metri di lunghezza e i 60 kg di peso.

Shoal of cod

A colpo d'occhio di merluzzo

Età                  fino a 40 anni

Lunghezza     fino a 2 metri

Peso                fino a 60 kg

Merroir – Il mare influisce sul sapore?

Proprio come il termine “terroir” è utilizzato per descrivere l’ambiente naturale in cui viene prodotto un vino, il concetto di “merroir” dà l’idea che il pesce possa assumere un sapore diverso a seconda del luogo di provenienza.

I consumatori vogliono sapere sempre di più sulla provenienza del loro cibo, e l’indicazione “lotto 27” non dà certo una descrizione esauriente. Il merroir potrebbe essere un modo di distinguere tra pesci pescati in aree diverse, e far capire l’importanza di tenere i nostri mari puliti. 

Map of Europe

Merluzzo costiero, Bømlo

Aspetto: Una carne bianca e friabile con una lieve tonalità blu-grigia. Aroma: Aroma marino dolce e lievemente lattoso. Gusto: Dolce e succoso, ma ben bilanciato con note umami (gusto saporito) e kokumi (sapore ricco), e sfumature fresche. 

Skrei, Mare di Barents

Aspetto: Iridescente come la madreperla. Aroma: Profumo di mare e pietre bagnate, con note di alghe e crostacei. Gusto: Delicato, morbido e friabile, con un sapore kokumi sulla lingua. Un pesce dal sapore pulito con giusto una punta di amaro. 

Merluzzo di Øresund

Aspetto: Bianco, con sfumature di grigio e rosa pallido. Aroma: Aroma di latte caldo. Gusto: Friabile, dolce e fruttato, con un delicato retrogusto di pesce. 

Merluzzo baltico

Aspetto: Un caleidoscopio marmorizzato di rossi e marroni. Aroma: Odore intenso di pesce crudo e di alghe marine scaldate dal sole. Gusto: Texture morbida e compatta. Sapore ricco e corposo, con un’acidità relativamente pronunciata. 

Merluzzo costiero, Bømlo

Aspetto: Una carne bianca e friabile con una lieve tonalità blu-grigia. Aroma: Aroma marino dolce e lievemente lattoso. Gusto: Dolce e succoso, ma ben bilanciato con note umami (gusto saporito) e kokumi (sapore ricco), e sfumature fresche. 

Skrei, Mare di Barents

Aspetto: Iridescente come la madreperla. Aroma: Profumo di mare e pietre bagnate, con note di alghe e crostacei. Gusto: Delicato, morbido e friabile, con un sapore kokumi sulla lingua. Un pesce dal sapore pulito con giusto una punta di amaro. 

Merluzzo di Øresund

Aspetto: Bianco, con sfumature di grigio e rosa pallido. Aroma: Aroma di latte caldo. Gusto: Friabile, dolce e fruttato, con un delicato retrogusto di pesce. 

Merluzzo baltico

Aspetto: Un caleidoscopio marmorizzato di rossi e marroni. Aroma: Odore intenso di pesce crudo e di alghe marine scaldate dal sole. Gusto: Texture morbida e compatta. Sapore ricco e corposo, con un’acidità relativamente pronunciata. 

Line Kjelstrup
Cercavamo un modo per comunicare l’importanza dell’origine del pesce – cosa ha mangiato, e quando, dove e come è stato pescato – e come l’origine influisce sul gusto. Speriamo che il concetto di “merroir” ci dia un modo tutto nuovo di parlare del pesce.

Line Kjelstrup

Direttore Svezia, NSC

Non c’è luogo migliore del Mare di Barents

Acque fredde, correnti forti e venti potenti creano un ambiente duro per gli esseri umani, ma ideale per il merluzzo: il Mare di Barents ospita infatti la più grande popolazione di merluzzo al mondo. Qui il merluzzo prospera. Già nell’antichità, questo gustoso pesce bianco forniva ai primissimi Norvegesi il sostentamento di cui avevano bisogno per sopravvivere ai gelidi inverni.

Nel Mare di Barents il merluzzo trova abbondantemente di che nutrirsi. Nel periodo iniziale della sua vita si nutre di zooplankton, krill e crostacei, per poi passare a pesci di piccola taglia quali i capelin e le aringhe. Un altro motivo del successo del merluzzo in questa regione è la sua capacità di adattamento. Il merluzzo è un pesce “demersale” (il che significa che vive principalmente in prossimità dei fondali marini), ma può anche adattarsi a vivere vicino la superficie.

Il merluzzo norvegese è disponibile 365 giorni all’anno, anche grazie al nostro impegno per la sostenibilità. Iniziamo l’anno pescando nel Mare di Barents e nelle aree costiere, per poi spostarci nelle aree verso il fronte polare, ad esempio nella zona dell’Isola degli Orsi. Il periodo più intenso per la pesca del merluzzo è tra gennaio e aprile.