Salvaguardare i nostri stock

L’industria ittica norvegese gestisce il nostro straordinario patrimonio naturale, e questo comporta naturalmente dei doveri.

Nel corso degli anni la nostra industria si è evoluta passando dalla pesca libera a una rigida regolamentazione. Siamo stati il primo paese al mondo a introdurre un sistema di quote per la pesca, e il nostro duro lavoro ha dato i suoi frutti; possiamo infatti vantare lo stock di merluzzo più grande e più sostenibile al mondo.

Come risultato diretto, negli ultimi anni la quota per il merluzzo norvegese ha raggiunto livelli record1.

1 Secondo quanto raccomandato dal Consiglio Internazionale per l’Esplorazione del Mare (CIEM).

Il sistema delle quote

quota system

Il diagramma sopra riportato raffigura le quote del merluzzo del Mare di Barents. Il merluzzo del Mare di Barents costituisce il nostro stock di merluzzo più importante a livello commerciale, in quanto rappresenta il 93% del nostro pescato.

In tutto il mondo ormai, i paesi si stanno impegnando a rispettare delle quote per salvaguardare il futuro della pesca, in particolare per quanto riguarda il merluzzo. In Norvegia, il Totale Ammissibile di Catture (TAC) è suddiviso in quote di gruppo, corrispondenti ai diversi gruppi di pescherecci:

Quote Individuali dei Pescherecci

Si tratta delle quote fissate per ciascun peschereccio partecipante che detiene una licenza o permesso annuale. Ciò garantisce a ciascun peschereccio una percentuale fissa della quota di gruppo.

Quote Massime

Queste quote sono allocate ai pescherecci costieri in aree di pesca di libero accesso. Una volta raggiunta la quota di gruppo, la pesca viene interrotta, indipendentemente dal raggiungimento della quota massima da parte di ciascun singolo peschereccio. Questo sistema viene utilizzato nei gruppi in cui i pescherecci hanno livelli di efficienza molto diversi.

Quote di Pesce Demersale

Queste quote regolamentano principalmente i pescherecci costieri che utilizzano strumentazione convenzionale, più che i pescherecci con reti da traino. La quota di pesce demersale combina le quote di merluzzo bianco, eglefino e merluzzo nero di ciascun peschereccio.

IL TRASFERIMENTO DELLE QUOTE

Per aiutare a ridurre la capacità della flotta nelle nostre acque e a proteggere il nostro ecosistema marino, alcune quote sono trasferibili.

Nel 2004 furono introdotti il sistema Unit Quota System (UQS) e, per i pescherecci costieri più grandi, il sistema Structural Quota System (SQS), che consentono ai proprietari di due pescherecci di trasferire le quote da un peschereccio all’altro. Il proprietario ha dunque due opzioni: pescare l’intera quota con un unico peschereccio per un periodo di tempo delimitato, oppure pescare parte della quota per un periodo illimitato, a condizione che l’altro peschereccio venga messo da parte.

Un terzo sistema di trasferimento delle quote fu introdotto nel 2005 per venire incontro ai proprietari di un solo peschereccio. Il Quota Exchange System consente a due proprietari di associarsi, e pescare entrambe le quote su un unico peschereccio, per un periodo limitato.

Quote di merluzzo norvegese

Con le abbondanti riserve di pesce delle nostre fredde e limpide acque, qui in Norvegia gestiamo lo stock di merluzzo più grande e più sostenibile al mondo.

Il rispetto di queste rigide quote ci consente di mantenere degli stock di pesce in buona salute, e garantisce che non abbiamo mai praticato – né mai praticheremo – una pesca eccessiva.

L’impatto sull’industria mondiale

Ciascuna quota viene fissata sulla base dei risultati delle ricerche e dei negoziati internazionali. Questo è molto importante per i prodotti ittici norvegesi – in particolare il merluzzo – dato che il 90% della nostra pesca interessa stock che condividiamo con altri paesi. 

Il Consiglio Internazionale per l’Esplorazione del Mare (CIEM, o ICES in inglese) e la Commissione per la Pesca nell’Atlantico Nord Orientale (NEAFC) giocano un ruolo centrale in questa cooperazione tra stati.

I negoziati sulle quote con altre autorità di gestione della pesca si tengono ogni anno. Abbiamo degli accordi di cooperazione per la gestione con i nostri paesi vicini, tra cui la Russia, l’Islanda, la Groenlandia, e l’Unione Europea.

La Norvegia ha una lunga tradizione nella gestione della pesca in armonia con l’ambiente.